Discussione:
I veri bastardi
(troppo vecchio per rispondere)
Nino
2008-07-05 10:22:59 UTC
Permalink
Gli USA sono la maggior causa degli scompensi mondiali.
Dollaro sempre più debole, famiglie che non risparmiano e
continuano ad indebitarsi e a consumare oltre il reddito e il
lecito.

Uno dei tanti effetti perversi della globalizzazione è quello
di far credere alle famiglie che sia possibile affidare il loro
tenore di vita non al reddito da lavoro, ma ai capital gain
e all'aumento del valore delle case.

Ora questo scenario da bengodi per i citrulli del liberismo
si è propagato dappertutto: ma purtroppo (o per fortuna)
il castello di sabbia sta crollando, sta per finire e si torna
indietro di 20 anni.

Tra breve, con questi chiari di luna, ci aspetta un ritorno alle
condizioni di vita di penuria dell'energia utilizzabile dell'ottocento.
Forse, si è ancora in tempo per metterci una pezza...
Ma bisogna "far fuori" tutti gli idioti che stanno portando il mondo
ad una involuzione irreversibile e forse all'estinzione.
Dando credito alle menti intelligenti, come Tremonti, o come il
Nobel Phelps, che ha studiato e compreso gli effetti a breve e
a lungo termine delle politiche economiche.

Quello che occorre subito è un maggior interventismo da parte
dello Stato: a cominciare dal livello dei depositi per il mercato
dei derivati, che deve essere drasticamente alzato.

Il mercato non è un sistema perfetto che si autoregola.
Lasciando decidere al mercato, non è vero che chi sbaglia perde
e chi lavora bene guadagna.
Se uno è grosso, quando sta per fallire va dalla banca centrale con
cumuli di carta straccia e viene salvato, portandosi a casa un treno
di moneta vera.
Questa "carta straccia" viene sbolognata alla gente comune (azioni,
obbligazioni, ecc...), mentre i soldi veri avuti in cambio di merda
vengono investiti dalle lobby nelle commodities. Che quindi crescono
di prezzo al di là di ogni legge della domanda e dell'offerta.
Come stiamo assistendo ora per il petrolio.

Nino
l'orsotoro®
2008-07-05 12:36:41 UTC
Permalink
Post by Nino
Gli USA sono la maggior causa degli scompensi mondiali.
Dollaro sempre più debole, famiglie che non risparmiano e
continuano ad indebitarsi e a consumare oltre il reddito e il
lecito.
Uno dei tanti effetti perversi della globalizzazione è quello
di far credere alle famiglie che sia possibile affidare il loro
tenore di vita non al reddito da lavoro, ma ai capital gain
e all'aumento del valore delle case.
Perdonami ma la globalizzazione non c'entra niente col tenore di vita...i
redditi da lavoro..il capital gain...o gli immobili....
Post by Nino
Ora questo scenario da bengodi per i citrulli del liberismo
Ci eravamo promessi di non insultarci più....

Per me la causa di questi scompensi è dovuta all'ecceso di socialismo (pensa
che all'ultima riunione dell'internazionale socialista si è discusso
dell'invasione israeliana all'iran...)....per te del liberismo....ma
offendersi è maleducato e dimostra scarsa intelligenza....
Post by Nino
si è propagato dappertutto: ma purtroppo (o per fortuna)
il castello di sabbia sta crollando, sta per finire e si torna
indietro di 20 anni.
Fonti?
Post by Nino
Tra breve, con questi chiari di luna, ci aspetta un ritorno alle
condizioni di vita di penuria dell'energia utilizzabile dell'ottocento.
Fonti?
Post by Nino
Forse, si è ancora in tempo per metterci una pezza...
Ma bisogna "far fuori" tutti gli idioti che stanno portando il mondo
ad una involuzione irreversibile e forse all'estinzione.
I nomi?
Post by Nino
Dando credito alle menti intelligenti, come Tremonti,
(?!?!?)....tremonti intelligente è un ossimoro!

o come il
Post by Nino
Nobel Phelps, che ha studiato e compreso gli effetti a breve e
a lungo termine delle politiche economiche.
E' un punto di vista....non una certezza....

Negli anni 50 si diceva che il petrolio sarebbe finito di lì a poco (10/20
anni al massimo).....poi dai 6000 metri di profondità siamo arrivati ai
12000 circa attuali per le trivelle e il problema è stato accantonato....

Inoltre ho grandissima fiducia nella reazione nucleare, studiando il sole e
la sua produzione di energia.....
Post by Nino
Quello che occorre subito è un maggior interventismo da parte
Totalmente in disaccordo!

Il vero male che ha portato alla crisi attuale sono i debiti pubblici che
non possono essere ripagati e hanno prodotto gli scompensi finanziari con le
piramidi costruite coi derivati e date in dote alle generazioni future.



a cominciare dal livello dei depositi per il mercato
Post by Nino
dei derivati, che deve essere drasticamente alzato.
Lo stato deve solo controllare....non gestire...o fare politica economica.

Nessuna legge sui depositi per il mercato dei derivati. Agli enti locali
deve essere vietato e basta.
Post by Nino
Il mercato non è un sistema perfetto che si autoregola.
E' un sistema perfetto che si autoregola. Lo ha sempre fatto.....
Post by Nino
Lasciando decidere al mercato, non è vero che chi sbaglia perde
e chi lavora bene guadagna.
Se uno è grosso, quando sta per fallire va dalla banca centrale con
cumuli di carta straccia e viene salvato, portandosi a casa un treno
di moneta vera.
Questa "carta straccia" viene sbolognata alla gente comune (azioni,
obbligazioni, ecc...),
Questa è una regola "sociale".....basterebbe toglierla.....e creare un
sistema liberale puro....per cui se non sei in grado di tirare avanti chiudi
e dichiari fallimento, grande o piccola che sia (l'azienda)....senza pensare
alla salvaguardia dei posti di lavoro delle famiglie che ci lavorano perchè
in un sistema liberale perfetto sarebbero reimpiegate in attività nuove
(studia Kondratieff..).


mentre i soldi veri avuti in cambio di merda
Post by Nino
vengono investiti dalle lobby nelle commodities.
E' il sitema "sociale" che genera questi scompensi.


Che quindi crescono
Post by Nino
di prezzo al di là di ogni legge della domanda e dell'offerta.
Come stiamo assistendo ora per il petrolio.
I tizi che lo hanno deciso erano tutti presenti all'ultima internazionale
socialista.....controllano l'onu, la nato e la fao.....

Io credo che serva maggiore liberismo, ma di quello vero....non di quello
mascherato che in realtà è socialismo (buono solo a controllare le persone e
dominarle che lo politiche che hai appena descritto).
Post by Nino
Nino
A presto.. ;-)
kappa
2008-07-05 14:03:38 UTC
Permalink
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Gli USA sono la maggior causa degli scompensi mondiali.
Dollaro sempre più debole, famiglie che non risparmiano e
continuano ad indebitarsi e a consumare oltre il reddito e il
lecito.
Uno dei tanti effetti perversi della globalizzazione è quello
di far credere alle famiglie che sia possibile affidare il loro
tenore di vita non al reddito da lavoro, ma ai capital gain
e all'aumento del valore delle case.
Perdonami ma la globalizzazione non c'entra niente col tenore di vita...i
redditi da lavoro..il capital gain...o gli immobili....
Post by Nino
Ora questo scenario da bengodi per i citrulli del liberismo
Ci eravamo promessi di non insultarci più....
Per me la causa di questi scompensi è dovuta all'ecceso di socialismo
(pensa che all'ultima riunione dell'internazionale socialista si è
discusso dell'invasione israeliana all'iran...)....per te del
liberismo....ma offendersi è maleducato e dimostra scarsa intelligenza....
Post by Nino
si è propagato dappertutto: ma purtroppo (o per fortuna)
il castello di sabbia sta crollando, sta per finire e si torna
indietro di 20 anni.
Fonti?
Post by Nino
Tra breve, con questi chiari di luna, ci aspetta un ritorno alle
condizioni di vita di penuria dell'energia utilizzabile dell'ottocento.
Fonti?
Post by Nino
Forse, si è ancora in tempo per metterci una pezza...
Ma bisogna "far fuori" tutti gli idioti che stanno portando il mondo
ad una involuzione irreversibile e forse all'estinzione.
I nomi?
Post by Nino
Dando credito alle menti intelligenti, come Tremonti,
(?!?!?)....tremonti intelligente è un ossimoro!
o come il
Post by Nino
Nobel Phelps, che ha studiato e compreso gli effetti a breve e
a lungo termine delle politiche economiche.
E' un punto di vista....non una certezza....
Negli anni 50 si diceva che il petrolio sarebbe finito di lì a poco (10/20
anni al massimo).....poi dai 6000 metri di profondità siamo arrivati ai
12000 circa attuali per le trivelle e il problema è stato accantonato....
Inoltre ho grandissima fiducia nella reazione nucleare, studiando il sole
e la sua produzione di energia.....
Post by Nino
Quello che occorre subito è un maggior interventismo da parte
Totalmente in disaccordo!
Il vero male che ha portato alla crisi attuale sono i debiti pubblici che
non possono essere ripagati e hanno prodotto gli scompensi finanziari con
le piramidi costruite coi derivati e date in dote alle generazioni future.
a cominciare dal livello dei depositi per il mercato
Post by Nino
dei derivati, che deve essere drasticamente alzato.
Lo stato deve solo controllare....non gestire...o fare politica economica.
Nessuna legge sui depositi per il mercato dei derivati. Agli enti locali
deve essere vietato e basta.
Post by Nino
Il mercato non è un sistema perfetto che si autoregola.
E' un sistema perfetto che si autoregola. Lo ha sempre fatto.....
Post by Nino
Lasciando decidere al mercato, non è vero che chi sbaglia perde
e chi lavora bene guadagna.
Se uno è grosso, quando sta per fallire va dalla banca centrale con
cumuli di carta straccia e viene salvato, portandosi a casa un treno
di moneta vera.
Questa "carta straccia" viene sbolognata alla gente comune (azioni,
obbligazioni, ecc...),
Questa è una regola "sociale".....basterebbe toglierla.....e creare un
sistema liberale puro....per cui se non sei in grado di tirare avanti
chiudi e dichiari fallimento, grande o piccola che sia
(l'azienda)....senza pensare alla salvaguardia dei posti di lavoro delle
famiglie che ci lavorano perchè in un sistema liberale perfetto sarebbero
reimpiegate in attività nuove (studia Kondratieff..).
mentre i soldi veri avuti in cambio di merda
Post by Nino
vengono investiti dalle lobby nelle commodities.
E' il sitema "sociale" che genera questi scompensi.
Che quindi crescono
Post by Nino
di prezzo al di là di ogni legge della domanda e dell'offerta.
Come stiamo assistendo ora per il petrolio.
I tizi che lo hanno deciso erano tutti presenti all'ultima internazionale
socialista.....controllano l'onu, la nato e la fao.....
Io credo che serva maggiore liberismo, ma di quello vero....non di quello
mascherato che in realtà è socialismo (buono solo a controllare le persone
e dominarle che lo politiche che hai appena descritto).
Post by Nino
Nino
A presto.. ;-)
Premesso che la piaggeria scaturisce da una forma mentis che DETESTO, tu e
Nino, siete indubbiamente due persone intelligenti e preparate.
Poi, in primis, l' onestà intellettuale è materia prima che proprio non vi
manca.
Voi avete ognuno delle buonissime ragioni in senso ASSOLUTO e dicendo
questo, siccome le vostre ragioni sono OPPOSTE, io, giudicandole TUTTE
buone, sembro in palese contraddizione con me stesso.
Ma non è vero e credo di poterlo spiegare.
E' vero che un liberismo spinto AUTOREGOLA il mercato in direzione
positiva.
E' vero che la "speculazione" sulle materie prime, dal petrolio al
frumento, dal succo d' arancia alla soia, smorza i picchi alti e bassi dei
prezzi.
Ma, come dice correttamente ORSOTORO, tutto questo va bene in un contesto
CHE SIA VERAMENTE LIBERO vale a dire non influenzato dalle lobbies.
Ma siccome le lobbies nel 90 % dei casi fanno i propri interessi in modo
troppo spesso egoistico e ladro, ne consegue che il mercato , in SOLDONI,
non è mai LIBERO, come, appunto, auspichi tu.
Perciò, pensare che un mercato possa essere libero, è come pensare che gli
uomini possano essere TUTTI ONESTI.
E pensare che il 99 % degli uomini possa essere onesto è come pensare che
se dalla cima di una torre lascio libero un sasso, questo si dirige verso le
nuvole .
Perciò mentre tu hai ottime ragioni , il Nino, tenendo conto della qualità
degli uomini, giudica NON BUONE le tue ragioni e, di conseguenza è contro
il liberismo " totalmente libero ".
Ti sentiresti di abolire tutti e quattro i codici " a condizione " che i
cittadini agiscano con la massima onestà ?
Sarebbe bello, anzi, bellissimo................come tutti I SOGNI .
Ma la realtà è tutta un' altra cosa e perclò, dobbiamo mantenere e
possibilmente rendere sempre più SEVERI i detti quattro
codici...............altro che libero arbitrio legale !!!
Perciò caro Orsotoro, sono teoricamente d' accordo con te, ma, da buon
praticone coi piedoni ben piantati per terra, sono d' accordo col Nino.
kappa
l'orsotoro®
2008-07-05 15:54:48 UTC
Permalink
Post by kappa
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Gli USA sono la maggior causa degli scompensi mondiali.
Dollaro sempre più debole, famiglie che non risparmiano e
continuano ad indebitarsi e a consumare oltre il reddito e il
lecito.
Uno dei tanti effetti perversi della globalizzazione è quello
di far credere alle famiglie che sia possibile affidare il loro
tenore di vita non al reddito da lavoro, ma ai capital gain
e all'aumento del valore delle case.
Perdonami ma la globalizzazione non c'entra niente col tenore di vita...i
redditi da lavoro..il capital gain...o gli immobili....
Post by Nino
Ora questo scenario da bengodi per i citrulli del liberismo
Ci eravamo promessi di non insultarci più....
Per me la causa di questi scompensi è dovuta all'ecceso di socialismo
(pensa che all'ultima riunione dell'internazionale socialista si è
discusso dell'invasione israeliana all'iran...)....per te del
liberismo....ma offendersi è maleducato e dimostra scarsa
intelligenza....
Post by Nino
si è propagato dappertutto: ma purtroppo (o per fortuna)
il castello di sabbia sta crollando, sta per finire e si torna
indietro di 20 anni.
Fonti?
Post by Nino
Tra breve, con questi chiari di luna, ci aspetta un ritorno alle
condizioni di vita di penuria dell'energia utilizzabile dell'ottocento.
Fonti?
Post by Nino
Forse, si è ancora in tempo per metterci una pezza...
Ma bisogna "far fuori" tutti gli idioti che stanno portando il mondo
ad una involuzione irreversibile e forse all'estinzione.
I nomi?
Post by Nino
Dando credito alle menti intelligenti, come Tremonti,
(?!?!?)....tremonti intelligente è un ossimoro!
o come il
Post by Nino
Nobel Phelps, che ha studiato e compreso gli effetti a breve e
a lungo termine delle politiche economiche.
E' un punto di vista....non una certezza....
Negli anni 50 si diceva che il petrolio sarebbe finito di lì a poco
(10/20 anni al massimo).....poi dai 6000 metri di profondità siamo
arrivati ai 12000 circa attuali per le trivelle e il problema è stato
accantonato....
Inoltre ho grandissima fiducia nella reazione nucleare, studiando il sole
e la sua produzione di energia.....
Post by Nino
Quello che occorre subito è un maggior interventismo da parte
Totalmente in disaccordo!
Il vero male che ha portato alla crisi attuale sono i debiti pubblici che
non possono essere ripagati e hanno prodotto gli scompensi finanziari con
le piramidi costruite coi derivati e date in dote alle generazioni future.
a cominciare dal livello dei depositi per il mercato
Post by Nino
dei derivati, che deve essere drasticamente alzato.
Lo stato deve solo controllare....non gestire...o fare politica economica.
Nessuna legge sui depositi per il mercato dei derivati. Agli enti locali
deve essere vietato e basta.
Post by Nino
Il mercato non è un sistema perfetto che si autoregola.
E' un sistema perfetto che si autoregola. Lo ha sempre fatto.....
Post by Nino
Lasciando decidere al mercato, non è vero che chi sbaglia perde
e chi lavora bene guadagna.
Se uno è grosso, quando sta per fallire va dalla banca centrale con
cumuli di carta straccia e viene salvato, portandosi a casa un treno
di moneta vera.
Questa "carta straccia" viene sbolognata alla gente comune (azioni,
obbligazioni, ecc...),
Questa è una regola "sociale".....basterebbe toglierla.....e creare un
sistema liberale puro....per cui se non sei in grado di tirare avanti
chiudi e dichiari fallimento, grande o piccola che sia
(l'azienda)....senza pensare alla salvaguardia dei posti di lavoro delle
famiglie che ci lavorano perchè in un sistema liberale perfetto sarebbero
reimpiegate in attività nuove (studia Kondratieff..).
mentre i soldi veri avuti in cambio di merda
Post by Nino
vengono investiti dalle lobby nelle commodities.
E' il sitema "sociale" che genera questi scompensi.
Che quindi crescono
Post by Nino
di prezzo al di là di ogni legge della domanda e dell'offerta.
Come stiamo assistendo ora per il petrolio.
I tizi che lo hanno deciso erano tutti presenti all'ultima internazionale
socialista.....controllano l'onu, la nato e la fao.....
Io credo che serva maggiore liberismo, ma di quello vero....non di quello
mascherato che in realtà è socialismo (buono solo a controllare le
persone e dominarle che lo politiche che hai appena descritto).
Post by Nino
Nino
A presto.. ;-)
Premesso che la piaggeria scaturisce da una forma mentis che DETESTO, tu
e Nino, siete indubbiamente due persone intelligenti e preparate.
Poi, in primis, l' onestà intellettuale è materia prima che proprio non vi
manca.
Voi avete ognuno delle buonissime ragioni in senso ASSOLUTO e dicendo
questo, siccome le vostre ragioni sono OPPOSTE, io, giudicandole TUTTE
buone, sembro in palese contraddizione con me stesso.
Ma non è vero e credo di poterlo spiegare.
E' vero che un liberismo spinto AUTOREGOLA il mercato in direzione
positiva.
E' vero che la "speculazione" sulle materie prime, dal petrolio al
frumento, dal succo d' arancia alla soia, smorza i picchi alti e bassi
dei prezzi.
Ma, come dice correttamente ORSOTORO, tutto questo va bene in un contesto
CHE SIA VERAMENTE LIBERO vale a dire non influenzato dalle lobbies.
Ma siccome le lobbies nel 90 % dei casi fanno i propri interessi in modo
troppo spesso egoistico e ladro, ne consegue che il mercato , in SOLDONI,
non è mai LIBERO, come, appunto, auspichi tu.
Perciò, pensare che un mercato possa essere libero, è come pensare che gli
uomini possano essere TUTTI ONESTI.
E pensare che il 99 % degli uomini possa essere onesto è come pensare che
se dalla cima di una torre lascio libero un sasso, questo si dirige verso
le nuvole .
Perciò mentre tu hai ottime ragioni , il Nino, tenendo conto della qualità
degli uomini, giudica NON BUONE le tue ragioni e, di conseguenza è
contro il liberismo " totalmente libero ".
Ti sentiresti di abolire tutti e quattro i codici " a condizione " che i
cittadini agiscano con la massima onestà ?
Sarebbe bello, anzi, bellissimo................come tutti I SOGNI .
Ma la realtà è tutta un' altra cosa e perclò, dobbiamo mantenere e
possibilmente rendere sempre più SEVERI i detti quattro
codici...............altro che libero arbitrio legale !!!
Perciò caro Orsotoro, sono teoricamente d' accordo con te, ma, da buon
praticone coi piedoni ben piantati per terra, sono d' accordo col Nino.
kappa
Ho molta fiducia negli uomini anche se ormai l'esperienza mi ha insegnato
che esistono i disonesti (anche se gran parte sono viziati dalle storture
"sociali" pubbliche)...........tuttavia come ho spiegato sarebbe sufficiente
che lo stato controllasse senza gestire.

E i disonesti sarebbero messi all'angolo.


A presto....
Nino
2008-07-05 23:25:44 UTC
Permalink
"kappa" <***@k.it> ha scritto nel messaggio news:486f7f42$0$41657$***@reader4.news.tin.it...
.
Post by kappa
Voi avete ognuno delle buonissime ragioni in senso ASSOLUTO
kappa, le mie sono considerazioni che esaminano la situazione reale
delle società nel mondo.
Non mi interessa avere ragione a tutti i costi, ma chi la pensa diversamente
dovrebbe contrastare con fatti altrettanto reali, e non immaginare una
società ideale di gente perbene, solidale e non animata da avidità,
prepotenza
e spirito di sopraffazione.
Quando si parla di consumi e ricchezza si dovrebbe poi ricordare Lavoisier:
se non c'è equilibrio e distribuzione equa, gli arraffatori e gli spreconi
sottraggono risorse sia a chi sta peggio, che anche alle generazioni future.
Nulla è infinito e eterno.
Post by kappa
E' vero che un liberismo spinto AUTOREGOLA il mercato in direzione
positiva.
Non sono d'accordo
Post by kappa
E' vero che la "speculazione" sulle materie prime, dal petrolio al
frumento, dal succo d' arancia alla soia, smorza i picchi alti e bassi
dei prezzi.
E' il contrario, basta vedere e analizzare quello che succede adesso
Post by kappa
Ma, come dice correttamente ORSOTORO, tutto questo va bene in un contesto
CHE SIA VERAMENTE LIBERO vale a dire non influenzato dalle lobbies.
Ma siccome le lobbies nel 90 % dei casi fanno i propri interessi in modo
troppo spesso egoistico e ladro, ne consegue che il mercato , in SOLDONI,
non è mai LIBERO, come, appunto, auspichi tu.
Esatto! E non solo per responsabilità delle lobbies. Ma anche dei singoli.
Non sono così sciocco da non considerare la libertà un bene irrinunciabile.
Per me, accanto alla giustizia viene subito dopo il diritto alla vita.
Ma, come dici bene anche tu dopo, il liberismo selvaggio è un pretesto
per differenziare economicamente e creare classi di privilegio e di paria.
Differenziazione che in misura ragionevole non ritengo sbagliata, purchè sia
basata sul merito e non sulla prepotenza e avidità.
Anche perchè questo si realizzi è necessario uno Stato autorevole che
stabilisca regole e fissi paletti cui ogni privato deve attenersi.
Senza burocrazia e clientelismi!
.
Post by kappa
Perciò mentre tu hai ottime ragioni , il Nino, tenendo conto della qualità
degli uomini, giudica NON BUONE le tue ragioni e, di conseguenza è
contro il liberismo " totalmente libero ".
Ti sentiresti di abolire tutti e quattro i codici " a condizione " che i
cittadini agiscano con la massima onestà ?
Sarebbe bello, anzi, bellissimo................come tutti I SOGNI .
Proprio sogni. Ammettendo la buonafede dell'interlocutore.
Post by kappa
Ma la realtà è tutta un' altra cosa e perclò, dobbiamo mantenere e
possibilmente rendere sempre più SEVERI i detti quattro
codici...............altro che libero arbitrio legale !!!
Perciò caro Orsotoro, sono teoricamente d' accordo con te, ma, da buon
praticone coi piedoni ben piantati per terra, sono d' accordo col Nino.
kappa
Qui riconosco e ti dò atto della tua razionalità e concretezza (senz'altro
superiore alla mia)

Nino
Francesco L. C.
2008-07-05 16:22:50 UTC
Permalink
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Gli USA sono la maggior causa degli scompensi mondiali.
Dollaro sempre più debole, famiglie che non risparmiano e
continuano ad indebitarsi e a consumare oltre il reddito e il
lecito.
Paradossalmente, però, è contagioso. (il modello)

A prescindere dalle valutazioni individuali e generali (sul modello), c'è da
dire
che tale modello (assenza di risparmio, rincorsa all'indebitamento, rincorsa
al consumo, quest'ultimo con un "rapporto" di <proporzione>
utilità/inutilità, da
studiare, analizzare, quantificare, e per certi versi [mi voglio spingere
oltre]
da sperimentare, se, impropriamente, la vogliamo chiamare sperimentazione,
da scoprire, quindi, in ultima analisi) si è rivelata
essere (ed è tutt'ora) una pandemia.

(Un ribaltone etimologico di generi diversi (maschile/femminile) :-)).
Modello/pandemia.)

Una pandemia in piena espansione: è facile accostare questo termine alla
globalizazzione.

Quello che non è per niente facile, invece, è la determinazione dell'entità
del grado di
virulenza e la possibilità o la capacità, intrinseca, del/i microrganismo/i
di manifestarsi come
tale, in un quadro pandemico.
Ovverosia virulento-i/innocuo-i.


In assenza della quale (virulenza), si può dormire, relativamente, sonni
tranquilli.
Almeno per quanto riguarda "il modello", summenzionato.
Non certamente, non assolutamente, per contro, la sua presenza (virulenta
patogenicamente),
potrà far dormire l'umanità tranquillamente.

La preservazione di modelli "endemici", la circuizione, circoscrizione degli
stessi, si è
rivelata essere, storicamente, fallimentare.
Se non totalmente, almeno parzialmente.
Basti pensare al contagio pandemico dell'impero cinese o se, vi è più
congeniale, al regime comunista cinese.
Al modello summenzionato.

O forse vi siete già dimenticati del "contagio" del regime sovietico, la
vecchia e cara U.R.S.S.?

Verrà un giorno, ve lo dico nel profondo del mio cuore, in cui la pandemia
"contagerà" il modello
endemico cubano. (con la felicità degli esuli di miami e della ricchissima
florida) :-)).


Tuttavia c'è da chiedersi (e come non potrebbe un anarchico come me?
:-)................)
se la preservazione del pianeta terrà e della specie umana, non passi
per la salvaguardia di realtà endemiche, piùttosto che da una realtà
pandemica:

SE MALAUGURATEMENTE la pandemia si manifestasse dall'alto della sua
patogenicità, dal suo alto "grado"
di patogenicità, ANZICHE' dal bassissimo grado, o meglio ancora della sua
totale assenza, le uniche realtà
sopravvisute o che sopravviveranno (e ciò sarà motivo di selezione), saranno
solo ed esclusivamente quelle endemiche.
Ovvero le realtà nazionali, locali, regionali.

La globalizzazione sarà una morte di massa.
Piuttosto che nazionale.
O regionale/locale.

Fatta questa debita premessa, possiamo passare al resto della discussione.
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Uno dei tanti effetti perversi della globalizzazione è quello
di far credere alle famiglie che sia possibile affidare il loro
tenore di vita non al reddito da lavoro, ma ai capital gain
e all'aumento del valore delle case.
Perdonami ma la globalizzazione non c'entra niente col tenore di vita...i
redditi da lavoro..il capital gain...o gli immobili....
Cioè? spiega!
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Ora questo scenario da bengodi per i citrulli del liberismo
Ci eravamo promessi di non insultarci più....
Ma è cosi carino, divertente, simpatico, laughing, questo termine che
tu lo consideri un insulto? :-))

Orso, per favore. :))
Post by l'orsotoro®
Per me la causa di questi scompensi è dovuta all'ecceso di socialismo
(pensa che all'ultima riunione dell'internazionale socialista si è
discusso dell'invasione israeliana all'iran...)....per te del
liberismo....ma offendersi è maleducato e dimostra scarsa intelligenza....
Post by Nino
si è propagato dappertutto: ma purtroppo (o per fortuna)
il castello di sabbia sta crollando, sta per finire e si torna
indietro di 20 anni.
Fonti?
Post by Nino
Tra breve, con questi chiari di luna, ci aspetta un ritorno alle
condizioni di vita di penuria dell'energia utilizzabile dell'ottocento.
Fonti?
Post by Nino
Forse, si è ancora in tempo per metterci una pezza...
Ma bisogna "far fuori" tutti gli idioti che stanno portando il mondo
ad una involuzione irreversibile e forse all'estinzione.
Minkia come sei cosi pessimista :-DDD.
Addirittura all'estinzione, un pò di ottimismo, per favore!!
Post by l'orsotoro®
I nomi?
Post by Nino
Dando credito alle menti intelligenti, come Tremonti,
(?!?!?)....tremonti intelligente è un ossimoro!
o come il
Post by Nino
Nobel Phelps, che ha studiato e compreso gli effetti a breve e
a lungo termine delle politiche economiche.
E' un punto di vista....non una certezza....
Negli anni 50 si diceva che il petrolio sarebbe finito di lì a poco (10/20
anni al massimo).....poi dai 6000 metri di profondità siamo arrivati ai
12000 circa attuali per le trivelle e il problema è stato accantonato....
Inoltre ho grandissima fiducia nella reazione nucleare, studiando il sole
e la sua produzione di energia.....
Piu' entropia, più caos, più merci........meno vità.

Più cultura....più vita.

Ma siccome sono bastardo dentro, ti dirò che, come tutti gli esseri umani,
da che
mondo e mondo, una volta che ti spari le "pere" (il modello di cui sopra),
resterai assuefatto.

Quindi.......meno cultura, più ignoranza, più entropia, più
caos.........mino vita.
(Infatti sulle strade italiane 7000 morti l'anno, per incidenti, altro che
missioni umanitarie.
Solo in italia, 7000 circa).

Vai con il nucleare.
Evviva la fibbra ottica.
Evviva le automobili (infatti una volta ce n'era una per famiglia, ora ne
abbiamo 2 autoveicoli a testa,
per ogni componente della famiglia)
Eccc...
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Quello che occorre subito è un maggior interventismo da parte
E chi ha il coraggio di prendere l'autobus, per andare a lavorare?
Ahhaahahhaaa :-DDDDDDD
(scusate per la risata, evidentemente sono bastardo anche fuori, oltreche
dentro).
C'è gente che si intossica i polmoni di fumo di sigarette, 5 euro al giorno.
Altra gente spenderebbe 5 euro a litro di carburanti pur di non prendere
l'autobus, ed
andare a lavorare. (attualmente siamo a 1,5 euro, ci sono 3,5 euro di
differenza)
Post by l'orsotoro®
Totalmente in disaccordo!
Il vero male che ha portato alla crisi attuale sono i debiti pubblici
Chi? e come si generano i debiti pubblici?

che
Post by l'orsotoro®
non possono essere ripagati e hanno prodotto gli scompensi finanziari con
le piramidi costruite coi derivati e date in dote alle generazioni future.
Quindi, in definitiva ha ragione Nino.
Post by l'orsotoro®
a cominciare dal livello dei depositi per il mercato
Post by Nino
dei derivati, che deve essere drasticamente alzato.
Lo stato deve solo controllare....non gestire...o fare politica economica.
Lo stato siamo anche noi, se non riusciamo a controllare <le nostre spese>
[il modello di cui
sopra], chi vuoi che controlli le spese fatte "in comune" con i nostri
concittadini?
Stiamo forse parlando dei Furbi? Dei Ladri, surrogato dei furbi? Dei
banchieri? Petrolieri?
Piu' in generale delle lobbies?..Etcccc...
Post by l'orsotoro®
Nessuna legge sui depositi per il mercato dei derivati. Agli enti locali
deve essere vietato e basta.
Post by Nino
Il mercato non è un sistema perfetto che si autoregola.
E' un sistema perfetto che si autoregola. Lo ha sempre fatto.....
Post by Nino
Lasciando decidere al mercato, non è vero che chi sbaglia perde
e chi lavora bene guadagna.
Se uno è grosso, quando sta per fallire va dalla banca centrale con
cumuli di carta straccia e viene salvato, portandosi a casa un treno
di moneta vera.
Questa "carta straccia" viene sbolognata alla gente comune (azioni,
obbligazioni, ecc...),
Già.

Più in generale povertà genera ulteriore povertà, che nel frattempo
va a finire nelle tasche di quelli che propriamente poveri non sono.
Anzì, la divaricazione, produce un ulteriore ricchezza sotto forma di
potere da acquisto. Nei confronti dei poveri.

Nel frattempo i debiti sugli interessi vengono dilutiti su tutta la
popolazione.

Semplice. No.

Permettetemi queste rozze battute multietniche:

Se tu, banca, fallire io (bce) possibile fare qualcosa per te.
Io presta te soldi, interessi pagare altri.
Come sempre fatto.
Post by l'orsotoro®
Questa è una regola "sociale".....basterebbe toglierla.....e creare un
sistema liberale puro....per cui se non sei in grado di tirare avanti
chiudi e dichiari fallimento,
Ja, io non banchiere, io cittadino europeo, prendere nel Kulo, come sempre.
Prendere nel kulo è illiberale. Ma io contenta cosi. Ja fare cosi per
restare in europe.
Tu banca fallire, banca centrale prestare soldi, banca resta in vita.
Ja non prestare i meus soldes, stampare nuovi di zecca.
Gente credere che soldi presta bce, prendere dai depositi meus contus
corrente.
Un Katzo.
Soldi stampare nuovi di zecca.
Interessi pagari tutti.
Marveollous.


grande o piccola che sia (l'azienda)....senza pensare
Post by l'orsotoro®
alla salvaguardia dei posti di lavoro delle famiglie che ci lavorano
perchè in un sistema liberale perfetto sarebbero reimpiegate in attività
nuove (studia Kondratieff..).
mentre i soldi veri avuti in cambio di merda
Post by Nino
vengono investiti dalle lobby nelle commodities.
E' il sitema "sociale" che genera questi scompensi.
Che quindi crescono
Post by Nino
di prezzo al di là di ogni legge della domanda e dell'offerta.
Come stiamo assistendo ora per il petrolio.
I tizi che lo hanno deciso erano tutti presenti all'ultima internazionale
socialista.....controllano l'onu, la nato e la fao.....
Io credo che serva maggiore liberismo, ma di quello vero....non di quello
mascherato che in realtà è socialismo (buono solo a controllare le persone
e dominarle che lo politiche che hai appena descritto).
Post by Nino
Nino
A presto.. ;-)
l'orsotoro®
2008-07-05 16:46:43 UTC
Permalink
Post by Nino
effetti perversi della globalizzazione è quello
Post by Nino
di far credere alle famiglie che sia possibile affidare il loro
tenore di vita non al reddito da lavoro, ma ai capital gain
e all'aumento del valore delle case.
Perdonami ma la globalizzazione non c'entra niente col tenore di vita...i
redditi da lavoro..il capital gain...o gli immobili....
Cioè? spiega!
La globalizazione non è nient'altro che l'assenza di confini per le merci.
In cui è possibile trasferire qualsiasi cosa in qualsiasi luogo.
Che c'entrano i redditi da lavoro..il CG..o gli immobili?

Ognuno per vivere è libero di scegliere la propria attività....sia essa la
speculazione (mobiliare o immobiliare) o la prestazione di mano
d'opera...con la consapevolezza dei rischi che entrambi hanno.

La globalizzazione permette di esportare le noci di cocco dall'africa
all'oceania....poi ci sarà chi si guadagnerà da vivere caricandole sulle
navi e chi sulla variazione del prezzo mentre navigheranno.
Nino
2008-07-06 10:18:47 UTC
Permalink
Non ho capito il cambio dell'intestazione: non sei d'accordo sulla
dannosità del modello mercatista e di chi lo applica?
Post by Francesco L. C.
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Gli USA sono la maggior causa degli scompensi mondiali.
Dollaro sempre più debole, famiglie che non risparmiano e
continuano ad indebitarsi e a consumare oltre il reddito e il
lecito.
Paradossalmente, però, è contagioso. (il modello)
Purtroppo, sì.
In salita bisogna far fatica a pedalare, molto più comoda la discesa...
Post by Francesco L. C.
A prescindere dalle valutazioni individuali e generali (sul modello), c'è
da dire
che tale modello (assenza di risparmio, rincorsa all'indebitamento, rincorsa
al consumo, quest'ultimo con un "rapporto" di <proporzione>
utilità/inutilità, da
studiare, analizzare, quantificare, e per certi versi [mi voglio spingere
oltre]
da sperimentare, se, impropriamente, la vogliamo chiamare sperimentazione,
da scoprire, quindi, in ultima analisi) si è rivelata
essere (ed è tutt'ora) una pandemia.
E' quello che intendevo.
E i regimi che se ne avvalgono, secondo me, commettono crimini contro
l'umanità. Peggiori dei più efferati terrorismi.
Post by Francesco L. C.
Una pandemia in piena espansione: è facile accostare questo termine alla
globalizazzione.
Che ha prodotto anche delocalizzazione di imprese ove la manodopera
è a costo minore. Senza avvantaggiare di ciò popolo e potere d'acquisto
dei paesi occidentali con minori prezzi dei beni prodotti (e quindi con
minore
inflazione), ma dilatando solo i profitti delle società industriali.
Post by Francesco L. C.
Quello che non è per niente facile, invece, è la determinazione
dell'entità del grado di
virulenza e la possibilità o la capacità, intrinseca, del/i
microrganismo/i di manifestarsi come
tale, in un quadro pandemico.
Ovverosia virulento-i/innocuo-i.
L'apparenza può ingannare.
Il tempo farà scoppiare la tossicità del modello.
Post by Francesco L. C.
SE MALAUGURATEMENTE la pandemia si manifestasse dall'alto della sua
patogenicità, dal suo alto "grado"
di patogenicità, ANZICHE' dal bassissimo grado, o meglio ancora della sua
totale assenza, le uniche realtà
sopravvisute o che sopravviveranno (e ciò sarà motivo di selezione),
saranno solo ed esclusivamente quelle endemiche.
Ovvero le realtà nazionali, locali, regionali.
La globalizzazione sarà una morte di massa.
Piuttosto che nazionale.
O regionale/locale.
La salvezza dell'uomo passa attraverso i localismi. Costumi, tradizioni,
cultura,
agricoltura, artigianato e piccola industria.
E' idiota fare centinaia di chilometri da A a B per andare a lavorare,
quando
altri a loro volta ogni giorno fanno centinaia di chilometri da B a A :-(
Post by Francesco L. C.
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Forse, si è ancora in tempo per metterci una pezza...
Ma bisogna "far fuori" tutti gli idioti che stanno portando il mondo
ad una involuzione irreversibile e forse all'estinzione.
Minkia come sei cosi pessimista :-DDD.
Addirittura all'estinzione, un pò di ottimismo, per favore!!
Proprio perchè sono ottimista sollevo il dubbio e la speranza che forse
siamo
ancora in tempo ad invertire la rotta.
Esaurimento dell'energia, sovraffollamento, inquinamento e rifiuti sono
fattori
che portano l'umanità alla preistoria (se non all'estinzione vera e propria)
Post by Francesco L. C.
Piu' entropia, più caos, più merci........meno vità.
Più cultura....più vita.
Ma siccome sono bastardo dentro, ti dirò che, come tutti gli esseri umani,
da che
mondo e mondo, una volta che ti spari le "pere" (il modello di cui sopra),
resterai assuefatto.
Quindi.......meno cultura, più ignoranza, più entropia, più
caos.........mino vita.
Dici le stesse cose che ho detto io... :)
Post by Francesco L. C.
Post by l'orsotoro®
Il vero male che ha portato alla crisi attuale sono i debiti pubblici
Chi? e come si generano i debiti pubblici?
che
Post by l'orsotoro®
non possono essere ripagati e hanno prodotto gli scompensi finanziari con
le piramidi costruite coi derivati e date in dote alle generazioni future.
Quindi, in definitiva ha ragione Nino.
Post by l'orsotoro®
a cominciare dal livello dei depositi per il mercato
Post by Nino
dei derivati, che deve essere drasticamente alzato.
Lo stato deve solo controllare....non gestire...o fare politica economica.
Lo stato siamo anche noi, se non riusciamo a controllare <le nostre spese>
[il modello di cui
sopra], chi vuoi che controlli le spese fatte "in comune" con i nostri
concittadini?
Stiamo forse parlando dei Furbi? Dei Ladri, surrogato dei furbi? Dei
banchieri? Petrolieri?
Piu' in generale delle lobbies?..Etcccc...
Sottoscrivo.
Post by Francesco L. C.
Post by l'orsotoro®
Post by Nino
Lasciando decidere al mercato, non è vero che chi sbaglia perde
e chi lavora bene guadagna.
Se uno è grosso, quando sta per fallire va dalla banca centrale con
cumuli di carta straccia e viene salvato, portandosi a casa un treno
di moneta vera.
Questa "carta straccia" viene sbolognata alla gente comune (azioni,
obbligazioni, ecc...),
Già.
Più in generale povertà genera ulteriore povertà, che nel frattempo
va a finire nelle tasche di quelli che propriamente poveri non sono.
Anzì, la divaricazione, produce un ulteriore ricchezza sotto forma di
potere da acquisto. Nei confronti dei poveri.
Nel frattempo i debiti sugli interessi vengono dilutiti su tutta la
popolazione.
Semplice. No.
Se tu, banca, fallire io (bce) possibile fare qualcosa per te.
Io presta te soldi, interessi pagare altri.
Come sempre fatto.
Ja, io non banchiere, io cittadino europeo, prendere nel Kulo, come sempre.
Prendere nel kulo è illiberale. Ma io contenta cosi. Ja fare cosi per
restare in europe.
Tu banca fallire, banca centrale prestare soldi, banca resta in vita.
Ja non prestare i meus soldes, stampare nuovi di zecca.
Gente credere che soldi presta bce, prendere dai depositi meus contus
corrente.
Un Katzo.
Soldi stampare nuovi di zecca.
Interessi pagari tutti.
Marveollous.
!!!!!!!!!!!!
Nino
2008-07-06 11:58:51 UTC
Permalink
"l'orsotoro®" ha scritto nel messaggio
"Nino"ha scritto nel messaggio
Post by Nino
Gli USA sono la maggior causa degli scompensi mondiali.
Dollaro sempre più debole, famiglie che non risparmiano e
continuano ad indebitarsi e a consumare oltre il reddito e il
lecito.
Uno dei tanti effetti perversi della globalizzazione è quello
di far credere alle famiglie che sia possibile affidare il loro
tenore di vita non al reddito da lavoro, ma ai capital gain
e all'aumento del valore delle case.
Perdonami ma la globalizzazione non c'entra niente col tenore di vita...i
redditi da lavoro..il capital gain...o gli immobili....
Globalizzazione per i paesi industriali significa soprattutto
delocalizzazione.
Questo attribuisce sempre più potere alle multinazionali, favorendo lo
spostamento della produzione dai paesi più industriali a quelli in via di
sviluppo, ove i diritti umani non sono garantiti e i salari sono più bassi.
Lo Stato ha meno potere, le tasse vengono pagate dove costa meno
(sede fiscale) e si creano i paradisi fiscali.
Non sono io a dirlo, ma Amnesty International: con la globalizzazione il
potere scivola dalle mani degli Stati e si sposta in quello delle
multinazionali.

Cosa succede allora nei paesi ex industriali? Si abbandona il lavoro
produttivo in favore della più facile e profittevole finanza (aumento
artificioso del valore di aziende e immobili, tempo libero, media, sport)

Se non c'è chi produce benessere con il lavoro di agricoltura e industria,
non potrà a lungo esistere chi commercia o specula. Non oso dire che
queste siano attività inutili, ma certamente sono secondarie e subalterne e
quindi mi parrebbe giusto ridimensionarle.
Post by Nino
Ora questo scenario da bengodi per i citrulli del liberismo
Ci eravamo promessi di non insultarci più....
Per me la causa di questi scompensi è dovuta all'ecceso di socialismo
(pensa che all'ultima riunione dell'internazionale socialista si è
discusso dell'invasione israeliana all'iran...)....per te del
liberismo....ma offendersi è maleducato e dimostra scarsa intelligenza....
Non è un insulto nei tuoi confronti.
E' semplicemente la mia opinione.
Rispettabile come quella di chi dissente.
Post by Nino
si è propagato dappertutto: ma purtroppo (o per fortuna)
il castello di sabbia sta crollando, sta per finire e si torna
indietro di 20 anni.
Fonti?
Vicine a casa mia.... :)
Sono sorgenti oligominerali.... ;-)
Post by Nino
Tra breve, con questi chiari di luna, ci aspetta un ritorno alle
condizioni di vita di penuria dell'energia utilizzabile dell'ottocento.
Fonti?
Le risorse energetiche non sono eterne. L'apice è stato oltrepassato,
la discesa verso il minimo sta subendo un'accelerazione verso il flesso.
Post by Nino
Forse, si è ancora in tempo per metterci una pezza...
Ma bisogna "far fuori" tutti gli idioti che stanno portando il mondo
ad una involuzione irreversibile e forse all'estinzione.
I nomi?
Ad es. chi ha voluto costruire questa Europa dei banchieri e dell'euro.
Vertici monetari che impongono diktat ai governanti, parametri e vincoli
rigidi che coinvolgono l'intera vita e l'economia delle nazioni.
Assurdità come: fissare a arbitrio il livello del tasso ufficiale di sconto,
la quantità di denaro da immettere sul mercato, la disponibilità e il costo
del finanziamento del sistema bancario...
Post by Nino
Dando credito alle menti intelligenti, come Tremonti,
(?!?!?)....tremonti intelligente è un ossimoro!
L'intelligenza di solito è riconosciuta dagli uguali...
Inoltre ho grandissima fiducia nella reazione nucleare, studiando il sole
e la sua produzione di energia.....
Il petrolio prima o dopo finirà...fra tutte le altre fonti, io confido solo
nella fusione fredda.
Il vero male che ha portato alla crisi attuale sono i debiti pubblici che
non possono essere ripagati e hanno prodotto gli scompensi finanziari con
le piramidi costruite coi derivati e date in dote alle generazioni future.
Chi alimenta il debito pubblico se non gli interessi delle banche?
Il denaro deve tornare alla sovranità del popolo.
Io credo che serva maggiore liberismo, ma di quello vero....non di quello
mascherato che in realtà è socialismo (buono solo a controllare le persone
e dominarle che lo politiche che hai appena descritto).
Non può esistere in realtà liberismo vero senza storture.
Il liberismo applicato è solo selvaggio, ed esplode in manifestazioni malate
di egoismo e avidità.
A presto.. ;-)
Senza alcuna pretesa di farti riflettere
Ciao
l'orsotoro®
2008-07-08 11:08:32 UTC
Permalink
Post by Nino
Senza alcuna pretesa di farti riflettere
Cutto tutto quello che hai scritto.....perchè fino a quando esisteranno
l'onu..la nato e la fao...non si potrà porre rimedio alla speculazione
selvaggia organizzata a tavolino da pochi....in puro stile
nazionalsocialista (hitleriano o stalinista)...
Post by Nino
Ciao
A presto

Aquarius
2008-07-06 08:04:51 UTC
Permalink
hai descritto bene, cio' che stanno facendo le banche usa per salvarsi il
culo.! Bravo
Continua a leggere su narkive:
Loading...