Discussione:
Niente TAV, niente nucleare
(troppo vecchio per rispondere)
Clas
2005-12-04 20:14:45 UTC
Permalink
I nuovi pagani, quelli che hanno scelto di adorare la terra, già ci
hanno tagliato le gambe con il nucleare, costringendo il paese ad
acquistare il petrolio dall'estero, adesso, i nuovi pagani, ci riprovano
con la TAV.....

Clas
.® (scordateveli cit.)
2005-12-04 21:01:07 UTC
Permalink
Post by Clas
I nuovi pagani, quelli che hanno scelto di adorare la terra, già ci
hanno tagliato le gambe con il nucleare, costringendo il paese ad
acquistare il petrolio dall'estero, adesso, i nuovi pagani, ci riprovano
con la TAV.....
Clas
pure la benzina.........hahahahahahhaha
http://www.repubblica.it/2005/k/motori/novembre05/conadbenzina/conadbenzina.html
Pippo Baldo
2005-12-04 22:28:12 UTC
Permalink
"Clas" ha scritto
Post by Clas
I nuovi pagani, quelli che hanno scelto di adorare la terra, già ci
hanno tagliato le gambe con il nucleare, costringendo il paese ad
acquistare il petrolio dall'estero
Perche' l'uranio dove si produce?
Paolo
2005-12-04 23:23:15 UTC
Permalink
Post by Pippo Baldo
"Clas" ha scritto
Post by Clas
I nuovi pagani, quelli che hanno scelto di adorare la terra, già ci
hanno tagliato le gambe con il nucleare, costringendo il paese ad
acquistare il petrolio dall'estero
Perche' l'uranio dove si produce?
scavando buchi in val Susa !!
Pippo Baldo
2005-12-05 08:23:24 UTC
Permalink
"Paolo" ha scritto
Post by Paolo
Post by Pippo Baldo
Perche' l'uranio dove si produce?
scavando buchi in val Susa !!
Ah allora fra qualche anno ci pagheranno
per consumare energia........
Passo di Giada
2005-12-05 08:50:05 UTC
Permalink
In padania no?

Famosa per le sue miniere di uranio, diamanti e oro!
:-)
l'orsotoro®
2005-12-05 11:33:54 UTC
Permalink
Post by Passo di Giada
In padania no?
Famosa per le sue miniere di uranio, diamanti e oro!
:-)
PdG quota meglio!

Non riesco a leggere a chi rispondi.....

;-)
Passo di Giada
2005-12-05 11:41:31 UTC
Permalink
L'orsotoro ha scritto
Post by l'orsotoro®
PdG quota meglio!
Non riesco a leggere a chi rispondi.....
;-)
Hai ragione!
Chiedo scusa a te e gli altri.
Uso Google gruppi che non mi pare abbia il quoting automatico. Farò
attenzione.

Ciao
Sir Gawain
2005-12-05 08:08:12 UTC
Permalink
Post by Clas
I nuovi pagani, quelli che hanno scelto di adorare la terra, già ci
[cut]
Ciao golem, puoi fare di meglio... hai dimenticato di infilarci un
riferimento al relativismo.
Neo
2005-12-05 08:13:38 UTC
Permalink
Post by Clas
I nuovi pagani, quelli che hanno scelto di adorare la terra, già ci
hanno tagliato le gambe con il nucleare,
Anche negli USA, in germania e persino in Francia, è 30 anni che non si
costruiscono nuove centrali nucleari. Un motivo ci sarà.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
apuo
2005-12-05 08:17:23 UTC
Permalink
Post by Neo
Post by Clas
I nuovi pagani, quelli che hanno scelto di adorare la terra, già ci
hanno tagliato le gambe con il nucleare,
Anche negli USA, in germania e persino in Francia, è 30 anni che non si
costruiscono nuove centrali nucleari. Un motivo ci sarà.
Perchè in quei paesi, da oltre trent'anni, i berlusconidi sono estinti.
--
Ferrea mutanda sistit hostes
Passo di Giada
2005-12-05 08:58:01 UTC
Permalink
Esatto.
Perchè se si fanno bene i conti il nucleare è economicamente
sconveniente. Ovviamente se si è onesti e si considera nel costo
complessivo lo smantellamento della centrale e lo stoccaggio dei
residui radioattivi.
Neo
2005-12-05 10:16:59 UTC
Permalink
Post by Passo di Giada
Esatto.
Perchè se si fanno bene i conti il nucleare è economicamente
sconveniente. Ovviamente se si è onesti e si considera nel costo
complessivo lo smantellamento della centrale e lo stoccaggio dei
residui radioattivi.
Ti dirò di più.
Lo è ancora adesso con quello che costa il petrolio.
Figurati venti anni fa.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
Passo di Giada
2005-12-05 10:22:55 UTC
Permalink
Per dirla tutta è talmente poco conveniente che nessuno ha un idea
certa di quali siano i costi di smantellamento di una centrale.
Per lo stoccaggio dei residui radioattivi poi si tratta di materiali
che hanno periodi di pericolosità da qualche decina di anni a circa
20000 anni. Ammesso che si possa garantire la sicurezza di un sito per
tutto quel tempo provate a considerare quanto potrebbe costare.
Il nucleare a fissione, la tecnologia attualmente disponibile e
utilizzata da tutte le centrali attive, è stato posisbile dla punto di
vista economico solo grazie all'intervento statale. Intervento che è
stato possibile in virtù della valenza strategica dell'energia
nucleare a fini militari.
Non è un caso che oggi chi ha velleità nucleari e vuole costruire
nuove centrali nucleari sono i cosiddetti "stati canaglia".
..Ghigo..
2005-12-05 18:35:30 UTC
Permalink
Passo di Giada <***@gmail.com> scritto nell'articolo
<***@o13g2000cwo.googlegroups.com>...

Non è un caso che oggi chi ha velleità nucleari e vuole costruire
nuove centrali nucleari sono i cosiddetti "stati canaglia".

Non e' nemeno 1 caso che siano proprio le nazioni + Armate
A Sostenere il Disarmo ...... (Degli Altri)

Personalmente preferirei essere chiamato Bastardo, Ma possedere il Randello
Nucleare

Essere considerato 1 Bravo ragazzo, Senza 1 Cazzo per difendersi.

Alle brutte nn credo sia di grande utilita' !!
tino
2005-12-05 12:07:08 UTC
Permalink
Post by Neo
Lo è ancora adesso con quello che costa il petrolio.
Figurati venti anni fa.
straano....
forse i francesi che hanno minimo 6 kw in casa e pagano il kwattora meta' di
noi non lo sanno...

la conosci la storia del calabrone?
disse Sikorsky ;-))
Passo di Giada
2005-12-05 12:14:52 UTC
Permalink
Post by tino
straano....
forse i francesi che hanno minimo 6 kw in casa e pagano il kwattora meta' di
noi non lo sanno..
Strano che nella moderna e tecnologica Europa solo la Francia abbia
investito così tanto sul nucleare. La Germania ad esempio ha certo i
mezzi tecnologici per farlo ma non mi risulta che ne stiano costruendo
e la loro percentuale di produzione col nucleare è minima. La stessa
cosa vale per il Regno Unito.
Meno strano se consideri che per la Francia il nucleare è servito a
sviluppare una propria deterrenza nucleare militare.
Il problema dei costi è presto risolto.
Ad oggi nessuna centrale nucleare è mai stata smantellata, per la
semplice ragione che non si sa bene come farlo e dove riporre i
"pezzi". Quindi finora il Kwh è stato pagato solo per quanto rigurada
il costo del combustile e costruzione della centrale nucleare.
Comodo no? non sai come fare una cosa e la demandi alle generazioni
future.
:-)
Neo
2005-12-05 13:02:40 UTC
Permalink
Post by tino
Post by Neo
Lo è ancora adesso con quello che costa il petrolio.
Figurati venti anni fa.
straano....
forse i francesi che hanno minimo 6 kw in casa e pagano il kwattora
meta' di noi non lo sanno...
L'energia in Francia costa meno che da noi (non la metà) per molti motivi.

In ogni caso il programma nucleare francese è stato per decenni una voragine
che ha inghiottito quantità enormi di denaro pubblico e ha generato perdite
finanziarie mostruose.

Adesso dopo che attraverso le perdite messe a bilancio le centrali sono
completamente ammortizzate e quindi a costo zero, l'energia costa poco.

Ma in Francia c'è già chi si preoccupa di quando il parco centrali andrà
fuori servizio (in gran parte entro il 2020). Ci sono reattori che non si sa
nemmeno come fare per incominciare a smontarli, altri addirittura che
richiedono anni solo per essere spenti completamente.

Negli USA, dove alcune centrali nucleari sono già state smantellate, si è
visto che i costi di decommisioning sono pari a circa due o tre volte
l'investimento fatto al momento della costruzione della centrale (facendo il
confronto rivalutando a valori correnti della moneta i costi sostenuti a suo
tempo).

Le quattro centarli italiane sono spente da una vita.
La IEA ha stimato i costi di decommissioning in circa due miliardi di euro.

Forse ti può essere utile leggere questo:

http://www.lavoce.info/news/attach/piria_canzi_passato1.pdf

o magari, ma è decisamente lunghetto, a questo del MIT del 2003

http://web.mit.edu/nuclearpower/pdf/nuclearpower-full.pdf

Per farla corta, vai a pagina 13 e leggi la prima riga:

"Today, nuclear power is not an economically competitive choice."

Non so se lo sarà in futuro, ma per il passato quello dell'energia nucleare
non è stato certo un business, e infatti solo in tempi recentissimi il
capitale privato ha iniziato ad interessarsi alla costruzione di nuove
centrali.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
kappa
2005-12-05 11:08:24 UTC
Permalink
"Passo di Giada" <***@gmail.com> ha scritto nel messaggio news:***@o13g2000cwo.googlegroups.com...
Esatto.
Perchè se si fanno bene i conti il nucleare è economicamente
sconveniente. Ovviamente se si è onesti e si considera nel costo
complessivo lo smantellamento della centrale e lo stoccaggio dei
residui radioattivi.

Inoltre le centrali nucleari producono il doppio di polveri sottili, quelle,
per intenderci che sono causa di migliaia di tumori ai polmoni.
L'ho sempre detto io : noi Italiani siamo molto più bravi di Francia,
Germania e Stati Uniti d'America.
Passo di Giada
2005-12-05 11:13:44 UTC
Permalink
Quindi tu sei favorevole alla localizzazione di un sito di stoccaggio
di rifiuti radioattivi nel tuo comune? O sbaglio?
kappa
2005-12-05 11:46:58 UTC
Permalink
Post by Passo di Giada
Quindi tu sei favorevole alla localizzazione di un sito di stoccaggio
di rifiuti radioattivi nel tuo comune? O sbaglio?
Nei mesi scorsi un magnifico servizio sulla RAI, ha documentato ampiamente
che nel territorio di una cittadina, mi pare europea , hanno costruito un
deposito di scorie radioattive con criteri altamente scientifici e sicuri,
riuscendo a convincere gli abitanti, i quali, convinti della NON
pericolosità del detto deposito, hanno dato il consenso a schiacciante
maggioranza in quanto ricevono annualmente , dallo stato, una bella somma
che consente agli amministratori della cittadina di costruire importanti
opere pubbliche . Insomma, gli abitanti,constatata la non pericolosità,
hanno deciso di beccarsi parecchi soldi.
Passo di Giada
2005-12-05 12:03:48 UTC
Permalink
kappa ha scritto
Post by kappa
Nei mesi scorsi un magnifico servizio sulla RAI, ha documentato ampiamente
che nel territorio di una cittadina, mi pare europea , hanno costruito un
deposito di scorie radioattive con criteri altamente scientifici e sicuri,
riuscendo a convincere gli abitanti, i quali, convinti della NON
pericolosità del detto deposito, hanno dato il consenso a schiacciante
maggioranza in quanto ricevono annualmente , dallo stato, una bella somma
che consente agli amministratori della cittadina di costruire importanti
opere pubbliche . Insomma, gli abitanti,constatata la non pericolosità,
hanno deciso di beccarsi parecchi soldi.
Di siti ne esitono diversi nel mondo, sia "sicuri" che occasionali.
Occasionali sono ad esempio quelli dei rifiuti radioattivi inviati nel
terzo mondo o quelli dell'ex unione sovietica.
Quelli "sicuri" sono quelli costruiti in europa e nord america. Di
solito si utilizzano formazioni geologiche sepolte ritenute stabili ed
a garanzia di impermeabilità quali i depositi salini. Questo perchè
il sito deve mantenere le proprie condizioni di stabilità nel corso di
migliaia di anni. Le considerazioni da fare sono innumerevoli e non mi
pare sia questo il tema del discorso. Si discuteva di economicità del
nucleare. Anche ammesso che esistano siti "sicuri" hai idea del costo
che comporta gestire tali siti per migliaia di anni?
Se porti quei costi sul Kwh che consumi abitualmente diventa
assolutamente svantaggioso rispetto alla totalità delle altri fonti di
approviggionamento energetico.
kappa
2005-12-05 13:19:20 UTC
Permalink
"Passo di Giada" <***@gmail.com> ha scritto nel messaggio news:***@f14g2000cwb.googlegroups.com...
kappa ha scritto
Post by kappa
Nei mesi scorsi un magnifico servizio sulla RAI, ha documentato ampiamente
che nel territorio di una cittadina, mi pare europea , hanno costruito un
deposito di scorie radioattive con criteri altamente scientifici e sicuri,
riuscendo a convincere gli abitanti, i quali, convinti della NON
pericolosità del detto deposito, hanno dato il consenso a schiacciante
maggioranza in quanto ricevono annualmente , dallo stato, una bella somma
che consente agli amministratori della cittadina di costruire importanti
opere pubbliche . Insomma, gli abitanti,constatata la non pericolosità,
hanno deciso di beccarsi parecchi soldi.
Di siti ne esitono diversi nel mondo, sia "sicuri" che occasionali.
Occasionali sono ad esempio quelli dei rifiuti radioattivi inviati nel
terzo mondo o quelli dell'ex unione sovietica.
Quelli "sicuri" sono quelli costruiti in europa e nord america. Di
solito si utilizzano formazioni geologiche sepolte ritenute stabili ed
a garanzia di impermeabilità quali i depositi salini. Questo perchè
il sito deve mantenere le proprie condizioni di stabilità nel corso di
migliaia di anni. Le considerazioni da fare sono innumerevoli e non mi
pare sia questo il tema del discorso. Si discuteva di economicità del
nucleare. Anche ammesso che esistano siti "sicuri" hai idea del costo
che comporta gestire tali siti per migliaia di anni?
Se porti quei costi sul Kwh che consumi abitualmente diventa
assolutamente svantaggioso rispetto alla totalità delle altri fonti di
approviggionamento energetico

Nei costi vedo che hai omesso i costi sanitari per le cure erogate alle
persone colpite da tumore polmonare causato dalle polveri sottili.
Nei costi hai omesso i costi sociali e i costi morali sostenuti da orfani ,
vedove e vedovi delle migliaia di morti per tumore polmonare.
Nei costi hai omesso i danni economici derivanti da corrosioni e sporcizia
che si deposita sul patrimonio edilizio e artistico : centinaia di
migliaia di miliardi di vecchie lire.

Eppoi io sono convinto che fra 30 0 40 anni, quando avremo a disposizione
energia a bassissimi costi e a zero rischi radioattivi (fusione nucleare),
le scorie radioattive della attuale fissione nucleare,verranno smaltite
lanciandole nello spazio siderale.

Fra poco non sarà più fantascienza.
Neo
2005-12-05 13:29:11 UTC
Permalink
Post by kappa
Fra poco non sarà più fantascienza.
Intanto però, serissimi studi multidisciplinari condotti dal MIT, che magari
l'uomo della strada non conosce, ma che chi si occupa di queste cose non può
non avere presenti, dicono che produrre energia con il nucleare è molto più
costoso che con il gas naturale (circa il 50% in più, lo studio è del 2003).

http://web.mit.edu/nuclearpower/pdf/nuclearpower-full.pdf

P.S. Il gas naturale non produce particolato quindi da quel punto di vista
vale quanto il nucleare.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
kappa
2005-12-05 16:05:43 UTC
Permalink
Post by Neo
Post by kappa
Fra poco non sarà più fantascienza.
Intanto però, serissimi studi multidisciplinari condotti dal MIT, che
magari l'uomo della strada non conosce, ma che chi si occupa di queste
cose non può non avere presenti, dicono che produrre energia con il
nucleare è molto più costoso che con il gas naturale (circa il 50% in più,
lo studio è del 2003).
http://web.mit.edu/nuclearpower/pdf/nuclearpower-full.pdf
P.S. Il gas naturale non produce particolato quindi da quel punto di vista
vale quanto il nucleare.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
Nel quartiere dove abito molti condomini, ti assicuro tanti, funzionano
ancora a gasolio.
E' il regalo che ci fanno le soc. petrolifere con le loro potenti lobbyes
(si scrive cosi ?).
Eppoi, non dimenticarti l'effetto serra della co2 ; ogni quindici giorni in
tv fanno vedere la banchisa polare che si sfalda paurosamente.
E i costi delle alluvioni (ormai una regola) nei climi che fino a trent'anni
fa erano MOLTO più rare di adesso ?
Io ricordo quella del Polesine degli anni '50 e quella di Firenze, mi pare
nei primissimi anni '70.
Sono state violentissime ma direi "uniche".
Oggigiorno, invece, sono frequenti, troppo frequenti e, secondo gli
scienziati della meteorologia,, non siamo che all'inizio.
Ciao
Neo
2005-12-05 17:31:13 UTC
Permalink
Post by kappa
Nel quartiere dove abito molti condomini, ti assicuro tanti,
funzionano ancora a gasolio.
E' il regalo che ci fanno le soc. petrolifere con le loro potenti
lobbyes (si scrive cosi ?).
Più che un regalo delle società petrolifere (l'ENI in Italia vende sia il
gas che il gasolio), se è presente una rete di distribuzione del gas,
continuare con il gasolio è solo un atto di autolesionismo dei condomini,
visto che il metano è molto più conveniente.
E comunque il nucleare non si presta certo ad essere usato per il
riscaldamento domestico (al limite lo si potrebbe usare indirettamente per
produrre energia elettrica e usare quella per riscaldare, ma come dicevo al
momento costa ancora meno produrre energia elettrica bruciando gas naturale,
quindi, a maggior ragione, il gas naturale è più conveniente dell'energia
nucleare anche per il riscaldamento).
Post by kappa
Eppoi, non dimenticarti l'effetto serra della co2 ; ogni quindici
giorni in tv fanno vedere la banchisa polare che si sfalda
paurosamente.
Questo sarebbe un vantaggio reale del nucleare.
Il recente interesse dei privati per il nucleare è dovuto, oltre che alla
salita del prezzo del petrolio, anche alle politiche di incentivi per la
riduzione delle emissioni di CO2 legate all'adozione del protocollo di
Kyoto, incentivi che pesano economicamente a favore del nucleare.
Anche questi incentivi però non spostano il paragone economico in maniera
sostanziale.

Qui in Italia abbiamo in funzione un prototipo avanzato (relativamente
piccolo, ma funzionante) di centrale ad energia solare. Produce energia
anche durante la notte e da quello che ho letto dal punto di vista economico
la tecnologia è interessante già agli attuali prezzi del petrolio.

Il progetto era finanziato dall'ENEL e portato avanti da CNR e ci lavorava
fra gli altri Carlo Rubbia, ma il nostro governo (questo governo) ha avuto
la bella pensata di farlo andare via, e così Rubbia (e molti di quelli che
lavoravano al progetto) ora lavorano in Spagna ad un progetto analogo.

http://web.tiscali.it/zona.nucleare/more_info/carlo_rubbia.htm
http://www.ecoage.com/rubbia-se-ne-va-in-spagna.htm

Più che delle lobby (che comunque vanno tenute d'occhio) bisognerebbe che ci
preoccupassimo di chi ci governa.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
Passo di Giada
2005-12-05 13:31:07 UTC
Permalink
kappa ha scritto
Post by kappa
Nei costi vedo che hai omesso i costi sanitari per le cure erogate alle
persone colpite da tumore polmonare causato dalle polveri sottili.
Nei costi hai omesso i costi sociali e i costi morali sostenuti da orfani ,
vedove e vedovi delle migliaia di morti per tumore polmonare.
Nei costi hai omesso i danni economici derivanti da corrosioni e sporcizia
che si deposita sul patrimonio edilizio e artistico : centinaia di
migliaia di miliardi di vecchie lire.
Vedo che ti piace fare confusione e polemica. Sai benissimo che non ho
indicato quei costi perchè non sono a carico del nucleare ma di altri
fonti di energia. Sbaglio o stavamo parlando del nucleare a fissione?
Non mi pare utile passare da un tipo di produzione di energia elettrica
(ossia centrali a combustibile fossile) con parecchi problemi, tra cui
quelli da te indicati, ad un altra fonte con problemi ancora maggiori.
Non stavamo parlando di questo ma evidentemente tu ami divagare.
Post by kappa
le scorie radioattive della attuale fissione nucleare,verranno smaltite
lanciandole nello spazio siderale.
Ma ci credi veramente a quello che scrivi? E perchè non le mettiamo
sulla luna, c'è tanto spazio! Se tu avessi una minima idea dei rischi
che questa cosa può comportare non ti passerebbe neppure per la testa
un idea così balzana. Ti ricordo che quando qualche satellite con a
bordo piccolissime "pile" nucleari è rientrato nell'atmosfera e si è
disgregato si è allarmato mezzo mondo. Te lo immagini un incidente
nella stratosfera di un bel carico dei residui della fissione?
Neo
2005-12-05 13:39:03 UTC
Permalink
Post by Passo di Giada
Se tu avessi una minima idea dei rischi
che questa cosa può comportare non ti passerebbe neppure per la testa
un idea così balzana.
Se è per quello basterebbe che avesse una idea dei costi.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
Passo di Giada
2005-12-05 13:47:51 UTC
Permalink
Post by Neo
Se è per quello basterebbe che avesse una idea dei costi.
Ma no che dici. Secondo lui tra 30 o 40 l'energia costerà pochissimo e
sarà tutto semplice. Gia che ci siamo basterebbe teletrasportarle le
scorie nucleari no? Insieme a tutto cio che ci da fastidio!
Ci porti su signor Scott.....

;-)
apuo
2005-12-05 14:15:24 UTC
Permalink
Post by Passo di Giada
Post by Neo
Se è per quello basterebbe che avesse una idea dei costi.
Ma no che dici. Secondo lui tra 30 o 40 l'energia costerà pochissimo e
sarà tutto semplice. Gia che ci siamo basterebbe teletrasportarle le
scorie nucleari no? Insieme a tutto cio che ci da fastidio!
Ci porti su signor Scott.....
;-)
Leggasi: "Passo di Giada ad Enterprise...Teletrasporto!"
Saluti futuristici
apuo
--
Ferrea mutanda sistit hostes
kappa
2005-12-05 16:41:34 UTC
Permalink
Post by Neo
Post by Passo di Giada
Se tu avessi una minima idea dei rischi
che questa cosa può comportare non ti passerebbe neppure per la testa
un idea così balzana.
Se è per quello basterebbe che avesse una idea dei costi.
Tu invece conosci sicuramente i costi per riparare i danni da effetto serra.
Anche i costi per far rinverdire la terra che si sarà "desertificata".
Mica tutti sono cosi bravi !
Post by Neo
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
Passo di Giada
2005-12-05 16:46:58 UTC
Permalink
kappa ha scritto
Post by kappa
Tu invece conosci sicuramente i costi per riparare i danni da effetto serra.
Anche i costi per far rinverdire la terra che si sarà "desertificata".
Mica tutti sono cosi bravi !
Certo che sei una sagoma.
E tu la vorresti rinverdire con le scorie nucleari???????
kappa
2005-12-05 16:53:58 UTC
Permalink
"Passo di Giada" <***@gmail.com> ha scritto nel messaggio news:***@f14g2000cwb.googlegroups.com...
kappa ha scritto
Post by kappa
Tu invece conosci sicuramente i costi per riparare i danni da effetto serra.
Anche i costi per far rinverdire la terra che si sarà "desertificata".
Mica tutti sono cosi bravi !
Certo che sei una sagoma.
E tu la vorresti rinverdire con le scorie nucleari???????

Si.
Sei contento ?
Neo
2005-12-05 17:45:30 UTC
Permalink
Post by kappa
Tu invece conosci sicuramente i costi per riparare i danni da effetto
serra. Anche i costi per far rinverdire la terra che si sarà
"desertificata". Mica tutti sono cosi bravi !
Leggi sopra.
Sono in fase di sviluppo (qui, ora, sul pianeta terra) delle centrali per la
produzione di energia che non producono emissioni nè di CO2 nè di altro, che
non hanno i problemi peculiari del nucleare, e che già ora, con la
tecnologia ancora immatura, risultano economicamente competitive rispetto al
nucleare.
--
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana,
e della prima non sono sicuro. (A. Einstein)
kappa
2005-12-05 16:19:54 UTC
Permalink
"Passo di Giada" <***@gmail.com> ha scritto nel messaggio news:***@z14g2000cwz.googlegroups.com...
kappa ha scritto
Post by kappa
Nei costi vedo che hai omesso i costi sanitari per le cure erogate alle
persone colpite da tumore polmonare causato dalle polveri sottili.
Nei costi hai omesso i costi sociali e i costi morali sostenuti da orfani ,
vedove e vedovi delle migliaia di morti per tumore polmonare.
Nei costi hai omesso i danni economici derivanti da corrosioni e sporcizia
che si deposita sul patrimonio edilizio e artistico : centinaia di
migliaia di miliardi di vecchie lire.
Vedo che ti piace fare confusione e polemica. Sai benissimo che non ho
indicato quei costi perchè non sono a carico del nucleare ma di altri
fonti di energia.

Appunto !!

Sbaglio o stavamo parlando del nucleare a fissione?
Non mi pare utile passare da un tipo di produzione di energia elettrica
(ossia centrali a combustibile fossile) con parecchi problemi, tra cui
quelli da te indicati, ad un altra fonte con problemi ancora maggiori.

Maggiori secondo te e minori secondo Francia Germania e Stati Uniti.
Non stavamo parlando di questo ma evidentemente tu ami divagare.

Si......io divago, faccio confusione e faccio della sterile polemica.
Ti consiglio, nel tuo esclusivo interesse, di ignorarmi.
Post by kappa
le scorie radioattive della attuale fissione nucleare,verranno smaltite
lanciandole nello spazio siderale.
Ma ci credi veramente a quello che scrivi? E perchè non le mettiamo
sulla luna, c'è tanto spazio! Se tu avessi una minima idea dei rischi
che questa cosa può comportare non ti passerebbe neppure per la testa
un idea così balzana. Ti ricordo che quando qualche satellite con a
bordo piccolissime "pile" nucleari è rientrato nell'atmosfera e si è
disgregato si è allarmato mezzo mondo. Te lo immagini un incidente
nella stratosfera di un bel carico dei residui della fissione?

Evidentemente io non sono in grado di entrare nei dettagli tecnici, ma la
storia della scienza è piena di "idee balzane" che poi si sono avverate.
Quel che oggi è "inimmaginabile" un giorno sarà routine quotidiana.
..Ghigo..
2005-12-05 18:46:41 UTC
Permalink
Passo di Giada <***@gmail.com> scritto nell'articolo
<***@z14g2000cwz.googlegroups.com>...
kappa ha scritto
Post by kappa
le scorie radioattive della attuale fissione nucleare,verranno smaltite
lanciandole nello spazio siderale.
Ma ci credi veramente a quello che scrivi? E perchè non le mettiamo
sulla luna, c'è tanto spazio! Se tu avessi una minima idea dei rischi
che questa cosa può comportare non ti passerebbe neppure per la testa
un idea così balzana.

Ci sono altre modalita' molto + sicure. ad es seppellirle presso le zone di
subduzione delle placche tettoniche.
Passo di Giada
2005-12-06 08:03:33 UTC
Permalink
..Ghigo.. ha scritto
Post by ..Ghigo..
Ci sono altre modalita' molto + sicure. ad es seppellirle presso le zone di
subduzione delle placche tettoniche.
Tu non sai cosa è una zona di subzione altrimenti non scriveresti una
cosa del genere.
L'hai letto su un giornalino mentre eri in attesa dla barbiere?
:-)
tino
2005-12-05 14:46:20 UTC
Permalink
Post by kappa
Eppoi io sono convinto che fra 30 0 40 anni, quando avremo a disposizione
energia a bassissimi costi e a zero rischi radioattivi (fusione nucleare),
fredda?...LOL
..Ghigo..
2005-12-05 18:37:49 UTC
Permalink
Post by Passo di Giada
Quindi tu sei favorevole alla localizzazione di un sito di stoccaggio
di rifiuti radioattivi nel tuo comune? O sbaglio?
il mondo e' pieno di deserti dove scavare 1 Fottuto Buco.
Sir Gawain
2005-12-06 07:56:21 UTC
Permalink
Post by ..Ghigo..
Post by Passo di Giada
Quindi tu sei favorevole alla localizzazione di un sito di stoccaggio
di rifiuti radioattivi nel tuo comune? O sbaglio?
il mondo e' pieno di deserti dove scavare 1 Fottuto Buco.
... e nasconderci la testa.

Rabat, 24 febbraio 2004

Il timore è che i morti siano 300, riportano fonti ufficiali locali. Il
bilancio ufficiale è fermo a 42 morti" ha detto un parlamentare locale
che ha chiesto di restare anonimo, "ma le vittime potrebbero essere
300".[...]

http://www.rainews24.rai.it/Notizia.asp?NewsID=45800


--
la prima vittima dell'arma è l'individuo che la adotta.
Passo di Giada
2005-12-06 08:04:49 UTC
Permalink
..Ghigo.. ha scritto
Post by ..Ghigo..
il mondo e' pieno di deserti dove scavare 1 Fottuto Buco.
Infatti sono anni che buttiamo i nostri rifiuti nel terzo mondo.
Complimenti sei davvero originale.

Continua a leggere su narkive:
Loading...